Caro Stressato...

È stato fatto un sondaggio e tra le espressioni più usate giornalmente dagli italiani, vi è proprio “Che Stress!” I motivi che ci spingono a dire la frase, possono essere molteplici: un’insegnante frustrata che ci rovina la vita a scuola, un datore di lavoro disgustoso, gli individui che si posizionano vicini a noi nei mezzi pubblici e ci impongono la loro puzza di cadavere, le telefonate inaspettate inerenti a pubblicità, le lumache alla guida, il portafoglio vuoto, gli autovelox, la gente che posiziona male la propria auto e ci impedisce di parcheggiare, il “lava” vetri insistente al semaforo che ci importuna, i gratta e vinci perdenti, l’ansia, i testimoni di geova che con insistenza cercano di deviare le persone già esasperate verso un burrone di depressione, altri predicatori, politicanti, ecc… Che Stress è uno spazio dove vi è la possibilità di staccare la spina dall’ininterrotto orrore dello stress quotidiano: il raduno per le persone stressate. By: Davy Gi Zeta.

separatore

Nella sezione La Vera Signora in Giallo e su IT è presente rispettivamente, una parodia di “Jessica Fletcher” e una di "Pennywise il Clown". Nella sezione Squola trovate un ebook scandalo davvero interessante durato 3 anni di indagini. È possibile scaricare gratuitamente l’anteprima in pdf per approfondire. Su Altri Video sono raccolti video umoristici di vario genere. Nei Link è presente del materiale reputato interessante da “Che Stress”, compresi dei giochi di genere “avventure testuali”. Nella sezione Modulo di Contatto potete inviare un messaggio o condividere un vostro stress. Con costanza si aggiorna il materiale e le sezioni. Invia un messaggio anche per suggerimenti o proposte. Conoscere la vostra opinione è una risorsa preziosa. Non dimenticare di unirti anche tu alla pagina Facebook più stressata di sempre, insieme agli oltre 10.000 followers! :-)

separatore

NEW: Il nuovo pazzo episodio della seconda stagione de “La Vera Signora in Giallo” dal titolo “Il Disagio”, è online. Disponibile QUI o sulla pagina Facebook.


© Davy Gi Zeta 2015